Il salotto della Premier League

1d8497e8860679ba8807523e6f021aa9.jpg
 
 
Prima di essere quasi completamente demolito, l’Arsenal Stadium – più comunemente noto come Highbury – era considerato il salotto del calcio inglese. Accogliente, elegante, con una storia prestigiosa alle spalle, il vecchio impianto risaliva al 1913, anche se acquisì la forma definitiva a seguito di due principali fasi di ristrutturazione rispettivamente negli anni Trenta e alla fine degli Ottanta. Fu durante la prima serie di questi lavori che vennero realizzate, tra le altre, la tribuna dell’East Stand, con la sua caratteristica facciata in stile Art Decò (in alto), e la tribuna sul lato sud che, per via dell’orologio inserito nella copertura, prese il nome di Clock End (in basso). Sempre negli anni Trenta venne cambiato il nome della vicina stazione della metropolitana da Gillespie Road ad Arsenal. 
 
ced2ff26a1a8e28b558edd1651d55896.jpg

 
All’inizio del nuovo millennio, tuttavia, il club, preoccupato dall’impossibilità di ampliare il proprio stadio a causa della sua collocazione in mezzo alle abitazioni del quartiere di Highbury, cominciò a valutare la possibilità di costruire un nuovo impianto nella vicina area di Ashburton Grove. Il progetto si è concretizzato con la stagione 2006/07, che i Gunners hanno iniziato nel nuovo Emirates Stadium, a qualche centinaio di metri dalla vecchia casa. Il vecchio salotto del calcio londinese è stato così destinato alla demolizione per far posto ad un complesso residenziale nel quale, conservate le facciate esterne, moderni appartamenti prenderanno il posto delle vecchie tribune ed una piazza con giardino sorgerà al posto del campo da gioco. L’opera, il cui colpo d’occhio rimanderà volontariamente al proprio glorioso passato, si chiamerà non a caso “The Stadium – Highbury Square” (in basso).
 
66ca1f1faa152c9d45108b2bb7032c02.gif
 
L’affetto dei tifosi per il vecchio Highbury è tale che il club ha deciso di mettere all’asta qualsiasi parte del vecchio stadio fosse convertibile in gadget: dalle porte alle zolle del terreno, dalla scrivania del vecchio tecnico George Graham alle tabelle segnapunti, dai fornelli per hot-dog ai seggiolini (quest’ultima vendita fu in seguito interrotta in quanto si scoprì che questi contenevano quantità, seppur piccole, di cadmio). Un altro elemento come l’orologio della Clock End, al contrario, è stato rimosso ed installato nel nuovo stadio.
Nell’ultima stagione prima del “trasloco”, inoltre, l’Arsenal decise di mettere provvisoriamente da parte le abituali divise bianco-rosse e di giocare per un campionato intero con delle speciali maglie storico-celebrative di colore granata, come gesto di commiato verso il proprio tempio.  
 
Il salotto della Premier Leagueultima modifica: 2007-12-01T12:50:00+00:00da axelfoley_83
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento